Il figlio di Tarzan di Edgar Rice Burroughs

Il figlio di Tarzan di Edgar Rice BurroughsQuarto episodio della saga dedicata a Tarzan, l’Uomo-scimmia creato dalla fantasia dello scrittore Edgar Rice Burroughs, la cui vena narrativa sembra non conoscere limiti.

Iniziata con Tarzan delle scimmie, Il ritorno di Tarzan e L’isola di Tarzan, romanzo che vede la nascita del figlio Jack, in questo nuovo episodio è proprio il piccolo Jack il protagonista delle avventure nella giungla africana.

Burroughs ha saputo tessere una nuova avventura senza ripetersi e senza stancare, affidando, questa volta, le gesta del formidabile Tarzan al figlio, chiamato dagli animali della giungla Korak, l’Uccisore.

Si assiste, in questo romanzo, alla complicità fra padre e figlio. Ma in realtà la complicità è da trovare non tanto nel binomio John-Jack, Lord Greystoke e il suo erede, quanto invece in Tarzan-Korak: i due figli della giungla.

Nel piccolo c’è l’amore per l’avventura e la vita selvaggia, per gli animali e la semplicità. Amore che viene messo a freno da Jane, madre fin troppo premurosa.

Nel piccolo Jack c’è un Korak sopito, pronto a svegliarsi e a riprendere se stesso. Ha in sé l’eredità diretta di suo padre, Tarzan, signore delle scimmie. Non può restare inattivo, non può mordere il freno troppo a lungo.

L’Africa, coi suoi pericoli e i suoi misteri, la sua giungla e i villaggi sperduti, chiama. Il romanzo è anche una sorta di Richiamo della foresta, come ci ha insegnato lo splendido romanzo narrato da London.

Un’altra avvincente avventura all’insegna dei colpi di scena, una sorta di ripetersi, anche, di avvenimenti già vissuti: la giungla che svezza l’uomo della civiltà, le scimmie che si alleano con l’uomo selvaggio, le lotte fra l’uomo e le bestie selvagge e i guerrieri negri dei villaggi.

Ci sono elementi comuni al romanzo d’avventura creato da Burroughs, elementi che inseriti sapientemente non annoiano, ma tengono il lettore fisso nelle pagine del libro.

La storia ha il sapore di una favola e come una favola si conclude.

Illustrato da Paolo Ghirardi.

  • Il figlio di Tarzan
    di Edgar Rice Burroughs (tit. orig. The son of Tarzan)
  • Mursia
  • 202 pagine
  • 1992
Riguardo a Daniele Imperi

Sono un blogger e web writer che scrive e legge ogni giorno. Penna blu è il mio blog principale, un luogo aperto in cui parlare di scrittura, blogging, editoria e lettura.

Speak Your Mind

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, per le statistiche e per offrire pubblicità attinente alle preferenze dei visitatori. Proseguendo nella navigazione o premendo il pulsante "Ok" acconsenti a ricevere cookie sul tuo dispositivo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi