Gli dei di Marte di Edgar Rice Burroughs

Gli dei Marte di Edgar Rice BurroughsSiamo al secondo romanzo della saga in tre volumi su John Carter di Marte, l’uomo che giunse misteriosamente sul pianeta morente di Barsoom, il nostro pianeta rosso.

Questo secondo volume non è certo da meno del precedente. Burroughs, che ha fatto sognare milioni di lettori con le avventure di Tarzan, ci regala un altro gioiello della fantascienza dell’epoca d’oro.

Nel primo episodio, tutto incentrato sull’ascesa di John Carter, sia in senso fisico (il viaggio dalla Terra fino a Marte), sia in senso politico-sociale (le imprese di Carter fecero in breve tempo il giro del pianeta), abbiamo conosciuto le zone abitate del pianeta morente, Barsoom, terre che ospitano popolazioni strane e coraggiose. In questo secondo episodio, invece, la storia si sposta sulle zone più oscure del pianeta, là dove si cela un potente segreto.

Con uno stile coinvolgente e semplice, Burroughs riesce a mescolare fantascienza e religione, creando una trama densa di avvenimenti e ricca di suspense. Un senso di urgenza sembra correre assieme alle pagine, riga dopo riga, mentre il lettore, assetato di continuità, divora ogni capitolo per soddisfare la curiosità che l’autore ha saputo magistralmente infondere all’intera storia.

In questo romanzo il deus ex machina, il più delle volte, è lo stesso John Carter, uomo straordinario, dotato di una forza e una determinazione tali da averlo fatto divenire famoso nell’intero pianeta. Una sorta di divinità umana? No, soltanto un grande personaggio creato dalla fervida fantasia di un altrettanto grande scrittore.

Dal primo episodio sono trascorsi oltre dieci anni. Cosa è cambiato su Marte in tutto quel tempo? Il lettore scoprirà ben presto quali tristi e implacabili sorprese attendono John Carter, che dovrà fare affidamento su tutte le sue risorse per riuscire a compiere una delle più grandi imprese della storia dell’intero pianeta.

La fine di questo secondo romanzo, ancora una volta, non ci permette di porre fine alla lettura. Voltando pagina cominciamo così a leggere il terzo ed ultimo episodio della saga: Il Signore della guerra.

Riguardo a Daniele Imperi

Sono un blogger e web writer che scrive e legge ogni giorno. Penna blu è il mio blog principale, un luogo aperto in cui parlare di scrittura, blogging, editoria e lettura.

Parla alla tua mente

*

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, per le statistiche e per offrire pubblicità attinente alle preferenze dei visitatori. Proseguendo nella navigazione o premendo il pulsante "Ok" acconsenti a ricevere cookie sul tuo dispositivo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi