L’acqua più dolce del mondo di Jamil Ahmad

L'acqua più dolce del mondo di Jamil AhmadStoria interessante questo romanzo. Una narrazione diversa dal solito, che riesce a rendere il libro ricco di riflessioni sui popoli descritti, sul periodo storico, sui paesi coinvolti.

In realtà il titolo italiano ha ben poco a che fare con l’acqua. È stato preso da una frase pronunciata da uno dei personaggi verso la fine del romanzo. Il titolo reale avrebbe dovuto essere lasciato come l’originale, Il falco vagabondo. Tor-Baz.

È lui il protagonista, anche se qui non esiste un vero protagonista. L’acqua più dolce del mondo ci svela un universo a noi lontano, con problematiche che difficilmente possiamo comprendere appieno. Quindi sono i personaggi che entrano in scena, le loro terre, le leggi contro cui si scontrano a essere protagonisti.

Lo stile di Jamil Ahmad è privo di ricercatezza, la sua scrittura è volutamente austera, ma non dura. Non dà la sensazione di spietatezza, ma piuttosto di una narrazione triste, forse un po’ malinconica.

L’acqua più dolce del mondo è un romanzo che racchiude una manciata di episodi e forse il libro può esser visto come un’antologia di racconti in cui l’attenzione è focalizzata sul ragazzo nomade, che conosciamo da piccolo e vediamo crescere.

Mi ha ricordato, per certi versi, Kim di Kipling, anche se in quel caso le vicende erano indiane e non afgane. Forse è stato il carattere del ragazzo, un bambino costretto dagli eventi a crescere più in fretta degli altri, a diventare adulto prima del tempo.

Alcune scelte narrative possono lasciare un po’ perplessi, come il passaggio – in uno solo dei capitoli del romanzo – dalla terza alla prima persona. Ma è un distacco che scorre via subito, perchè il tono si mantiene inalterato.

L’acqua più dolce del mondo è una storia che lascia qualcosa dietro di sé, se non altro delle domande. E la voglia, anche, di conoscere di più su quei popoli e su quelle terre lontane e desertiche, sulla povertà che quelle genti affrontarono allora e che ancora oggi le colpisce.

About Daniele Imperi

Sono un blogger e web writer che scrive e legge ogni giorno. Penna blu è il mio blog principale, un luogo aperto in cui parlare di scrittura, blogging, editoria e lettura.

Speak Your Mind

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, per le statistiche e per offrire pubblicità attinente alle preferenze dei visitatori. Proseguendo nella navigazione o premendo il pulsante "Ok" acconsenti a ricevere cookie sul tuo dispositivo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi